Cos'è l'aceto di sherry?

Cos’è l’aceto di sherry?

Storia

L’aceto di sherry è fatto dal vino di sherry, quindi può essere prodotto solo in un posto: il sud della Spagna. I vitigni utilizzati per produrlo sono il Moscatel e il Pedro Ximinez. Viene prodotto in una città in particolare: Jerez de la Frontera a Cadice. Gli spagnoli producono vino almeno dai tempi dell’antica Roma e forse anche da più tempo. Continuarono a fare il vino anche dopo essere stati conquistati dai Mori, che permisero di fare il vino per scopi medicinali.

La Spagna avrebbe poi esportato il vino di sherry in tutto il mondo e sarebbe diventato popolare in Inghilterra e in Francia nel XVIII secolo, ma l’aceto fatto con il vino di sherry non sarebbe mai stato così popolare come il vino da cui era fatto. Non è stato fino all’inizio del XX secolo che è stato prodotto su larga scala. Si crede che i primi aceti di sherry siano stati prodotti per caso. I grandi chef francesi riconobbero il valore dell’aceto e iniziarono a usarlo in cucina.

Oggi, l’aceto di sherry è ottenuto attraverso un lungo periodo di fermentazione, che è anche il caso del vino di sherry. L’aceto di sherry può essere invecchiato fino a 20 anni. Questo lungo processo di maturazione gli conferisce un sapore profondo e complesso.

L’aceto di sherry è un importante prodotto spagnolo dell’era moderna, le cui esportazioni sono raddoppiate dal 2004. La sua reputazione si basa sul suo sapore ricco, ma il suo profilo aromatico varia a seconda della varietà di aceto e del suo tempo di fermentazione. In termini di dolcezza, la maggior parte degli aceti di sherry cadono da qualche parte tra l’aceto di vino ordinario e l’aceto balsamico. Gli aceti di sherry più vecchi hanno un profilo di gusto complesso e profondo come quello dell’aceto balsamico.

Usi culinari

L’aceto di sherry è usato per fare vinaigrette e marinate. Può essere usato per rimuovere il grasso da una padella per fare una salsa per la carne.

error: Contenuto protetto!