Cos'è l'aglio orsino?

Cos’è l’aglio orsino?

Storia

L’aglio orsino (Allium ursinum) è rinomato e utilizzato in tutta Europa, dove ha avuto origine. La leggenda dice che gli orsi mangiano aglio selvatico quando si svegliano dal loro letargo invernale. I ritrovamenti archeologici indicano che era usato già nel Mesolitico in alcune parti dell’Europa del nord.

In Germania, l’aglio orsino è diventato molto popolare negli ultimi anni e vengono organizzati dei festival per celebrarlo in città come Erbach. Ogni anno, Erbach tiene una fiera primaverile di un mese per celebrare la pianta.

In Inghilterra, l’aglio orsino è conosciuto come ramsons. Il termine ramsons deriva dall’inglese antico hramsa, che significa “amaro”. Si dice che i bovini che mangiano ramsons producano latte di alta qualità.

Sapore

L’aglio orsino ha un sapore simile all’aglio normale, ma è più delicato. Alcune varietà possono avere un sapore di cipolla più forte, simile a quello dei porri o dello scalogno.

Usi culinari

Le foglie di aglio orsino sono usate nelle zuppe, nelle salse (simili al pesto) e nei formaggi. Le foglie possono anche essere mangiate crude come insalata. Potete anche tritarli finemente e aggiungerli al purè di patate come fareste con l’erba cipollina.

L’aglio orsino funziona meglio se aggiunto alla fine della cottura o usato crudo, perché il suo sapore non sopporta una cottura prolungata. I fiori sono commestibili e possono essere usati per guarnire le insalate.

error: Contenuto protetto!