Cos'è l'amido di tapioca?

Cos’è l’amido di tapioca?

Storia

La tapioca è fatta di amido estratto dalla radice di manioca. La manioca era una delle principali fonti di cibo per gli amerindi di tutto il Sud America. Si crede che abbia avuto origine a sud del Rio delle Amazzoni, nell’attuale Brasile. Veniva coltivato dagli abitanti di questa regione già nell’8000 a.C. Nel 6000 a.C. veniva coltivato nell’attuale Messico e nel 2000 a.C. in Perù. La sua coltivazione si è diffusa in tutti i Caraibi molto prima dell’arrivo dei coloni europei.

Si dice che Cristoforo Colombo abbia assaggiato il pane di manioca dopo il suo arrivo nei Caraibi, ma fu solo all’inizio del XVIII secolo che gli europei scoprirono l’amido estratto dalla manioca. I portoghesi sentirono parlare della tapioca dai Tupi-Guarani, un popolo del Brasile.

Grazie ai portoghesi, la coltivazione della manioca si diffuse in Africa e fiorì. L’amido di tapioca e il pane di manioca divennero elementi base della dieta guineana alla fine del XVII secolo. Furono anche importati nel sud-est asiatico e la tapioca divenne un alimento anche in Nord America.

All’inizio del XXI secolo, il principale produttore mondiale di manioca era l’Africa, seguita dall’Asia. La maggior parte dell’amido di tapioca è importato dall’Asia.

Sapore

L’amido di tapioca è usato principalmente come addensante per tutti gli usi. Uno dei fattori che lo rende così conveniente è il suo gusto neutro. Non ha sapore e quindi non può entrare in conflitto con i sapori degli alimenti che viene utilizzato per addensare.

Usi culinari

Negli Stati Uniti, l’amido di tapioca è noto per il suo uso nella preparazione del pudding di tapioca e come sostituto della farina di grano nella cucina senza glutine. In Brasile, è usato per fare una specie di involucro simile a una tortilla, mentre i cuochi venezuelani lo usano per fare le arepas.

error: Contenuto protetto!