Come conservare lo zafferano?

Come conservare lo zafferano?

Lo zafferano è la spezia più costosa del mondo, il che significa che è particolarmente importante conservarlo correttamente. Rappresenta un investimento maggiore di altre spezie e il vostro metodo di conservazione protegge questo investimento.

Lo zafferano ha una durata di conservazione moderatamente lunga rispetto ad altre spezie – due anni o più – quindi comprare all’ingrosso è un’opzione, ma solo se si riesce a preservarlo dal deterioramento. Per massimizzare la sua durata di conservazione, ecco alcuni dei migliori consigli per conservare lo zafferano:

Iniziare con l’essiccazione dello zafferano

Se avete acquistato fili di zafferano freschi, il primo passo è quello di essiccarli. Il processo di essiccazione è semplice: metti i fili di zafferano tra due tovaglioli di carta e mettili in un luogo caldo e asciutto. Dopo circa una settimana, trasferite i fili in un contenitore.

Usare il contenitore giusto

Lo zafferano deve essere conservato in un contenitore ermetico. Lo scopo è quello di proteggere la spezia dalla circolazione dell’aria. Non solo il contenitore deve isolare lo zafferano dall’aria esterna, ma deve anche contenere meno aria possibile. Conserva il tuo zafferano nel contenitore più piccolo possibile per ridurre al minimo la quantità di aria che entra in contatto con la spezia.

Un piccolo contenitore vi permetterà anche di catturare facilmente la quantità esatta di cui avete bisogno e di chiuderlo rapidamente. Man mano che usi il tuo zafferano, trasferisci il resto in un contenitore più piccolo per limitare il contatto con l’aria.

Tieni il tuo zafferano lontano dalla luce

Lo zafferano è estremamente sensibile alla luce, tanto che la sua fotosensibilità determina l’ora del giorno in cui viene raccolto. La spezia perde sia il suo colore che la sua fragranza se esposta a troppa luce. Una delle opzioni è quella di utilizzare un contenitore che protegga dalla luce, un’altra è quella di avvolgere lo zafferano in un foglio di alluminio prima di metterlo nel contenitore. La pellicola protegge lo zafferano dalla luce e dall’aria.

Scegliere un armadio adatto

Un’altra domanda importante riguarda la posizione del tuo contenitore di zafferano. La prima cosa da considerare è la natura del contenitore. Se avete scelto un barattolo o una bottiglia opaca alla luce, potete semplicemente conservare il contenitore su un portaspezie come per qualsiasi altra spezia.

Se il contenitore è trasparente e non avete avvolto il vostro zafferano in un foglio di alluminio, potete proteggerlo dalla luce conservandolo in un armadio chiuso. Preferibilmente in legno, perché il metallo può riscaldarsi in una cucina. Idealmente, dovresti tenerlo (e il resto delle tue spezie) lontano dal calore.

Tenere d’occhio la temperatura di conservazione

L’ideale sarebbe conservare lo zafferano a temperature inferiori ai 20°C, ma evitare di tenerlo in frigorifero se possibile. Il problema della refrigerazione è che lo zafferano attira e assorbe l’umidità quando lo si tira fuori dal frigo. Il cambiamento di temperatura può anche causare una serie di problemi, tra cui la difficoltà di separare i fili e la crescita di muffe.

Se usate lo zafferano conservato in frigorifero, riducete al minimo il tempo che passa a temperatura ambiente. In altre parole, dovrebbe essere tolto dal frigorifero solo per il tempo necessario a recuperare la quantità necessaria. Rimettetelo rapidamente in frigorifero per evitare qualsiasi problema di umidità.

error: Contenuto protetto!