Come essiccare il dragoncello?

Come essiccare il dragoncello?

Il momento migliore per raccogliere ed essiccare il dragoncello è poco prima che la pianta fiorisca, ma dopo che ha germogliato. In questa fase, la pianta produce molti composti aromatici nelle sue foglie. Una volta che la pianta fiorisce, la sua energia si sposta a produrre semi a spese delle foglie, che possono quindi perdere il loro sapore.

Si può facilmente essiccare il dragoncello a casa senza molto sforzo. Se non avete un essiccatore, potete ottenere ottimi risultati con un forno normale o con il calore del sole.

Essiccatore

Ecco i passi da seguire per essiccare il dragoncello in un essiccatore alimentare:

1 – Prima della fioritura, tagliate i rametti interi di dragoncello alla base della pianta con un paio di forbici. Rimuovere le foglie danneggiate.

2 – Pulire accuratamente i rametti di dragoncello in acqua fredda. Lasciare asciugare i rametti su carta assorbente o tamponarli delicatamente con un asciugamano pulito.

3 – Disporre i rametti di dragoncello sui vassoi dell’essiccatore.

4 – Impostare la temperatura dell’essiccatore a 40°C. Essiccare i rametti di dragoncello per circa 2 o 4 ore. La disidratazione può essere più o meno lunga a seconda del modello di essiccatore e del contenuto di umidità del dragoncello.

5 – Staccare le foglie dai rametti. Conservare il dragoncello essiccato in un contenitore ermetico, in un luogo fresco, asciutto e buio. Si consiglia di conservare il dragoncello essiccato come foglie intere per conservare il massimo del sapore. Tritare le foglie appena prima di aggiungerle alla ricetta. Aggiungere il dragoncello essiccato a zuppe e stufati durante l’ultima mezz’ora di cottura o seguire le istruzioni della ricetta.

Forno

Ecco i passi da seguire per essiccare il dragoncello nel forno:

1 – Prima della fioritura, tagliare i rametti interi di dragoncello alla base della pianta con un paio di forbici. Rimuovere le foglie danneggiate.

2 – Pulire accuratamente i rametti di dragoncello in acqua fredda. Lasciare asciugare i rametti su carta assorbente o tamponarli delicatamente con un asciugamano pulito.

3 – Distribuire i rametti di dragoncello su una teglia rivestita di carta da forno.

4 – Preriscaldare il forno a 90°C per 20 minuti. Non mettere ancora la teglia nel forno.

5 – Spegnere il forno. Mettete la teglia nel forno. Lasciare i rametti di dragoncello ad essiccare nel forno per circa 1 ora.

6 – Se il dragoncello è ancora bagnato dopo 1 ora, ripetere i passi 4 e 5 fino ad ottenere il risultato desiderato.

7 – Staccare le foglie dai rametti. Conservare il dragoncello essiccato in un contenitore ermetico, in un luogo fresco, asciutto e buio. Si consiglia di conservare il dragoncello essiccato come foglie intere per conservare il massimo del sapore. Tritare le foglie appena prima di aggiungerle alla ricetta. Aggiungere il dragoncello essiccato a zuppe e stufati durante l’ultima mezz’ora di cottura o seguire le istruzioni della ricetta.

Sole

L’essiccazione al sole dovrebbe essere fatta in condizioni di bel tempo con una temperatura esterna di almeno 30°C. Ecco i passi da seguire per essiccare il dragoncello al sole:

1 – Prima della fioritura, tagliate i rametti interi di dragoncello alla base della pianta con un paio di forbici. Eliminare le foglie danneggiate.

2 – Pulire accuratamente i rametti di dragoncello in acqua fredda. Lasciare asciugare i rametti su carta assorbente o tamponarli delicatamente con un asciugamano pulito.

3 – Distribuire i rametti di dragoncello su una griglia o una teglia per biscotti. Coprire la griglia o la teglia con una stamigna o una rete trasparente per proteggere i rametti di dragoncello dal vento e dagli insetti.

4 – Lasciare essiccare i rametti di dragoncello al sole per 2-6 giorni. La disidratazione può essere più o meno lunga a seconda della temperatura esterna, del livello di umidità e del contenuto di acqua del dragoncello.

5 – Girare i rametti di dragoncello una volta al giorno per assicurarsi che l’essiccazione sia il più uniforme possibile. Portate la griglia o la teglia dentro casa al tramonto o se piove. Rimettetelo al sole il giorno dopo all’alba.

6 – Staccare le foglie dai rametti. Conservare il dragoncello essiccato in un contenitore ermetico, in un luogo fresco, asciutto e buio. Si consiglia di conservare il dragoncello essiccato come foglie intere per conservare il massimo del sapore. Tritare le foglie appena prima di aggiungerle alla ricetta. Aggiungere il dragoncello essiccato a zuppe e stufati durante l’ultima mezz’ora di cottura o seguire le istruzioni della ricetta.

error: Contenuto protetto!