Cosa sono le foglie di boldo?

Cosa sono le foglie di boldo?

Storia

Le foglie di boldo sono state usate nella medicina tradizionale sudamericana per secoli. La pianta è originaria di alcune parti del Cile e del Perù.

Gli archeologi hanno trovato prove che le persone nel sud del Cile usavano le foglie di boldo più di 12.000 anni fa. Li usavano principalmente per le loro proprietà medicinali, compresa la loro capacità di trattare i parassiti intestinali. In Perù, le foglie di boldo erano usate per trattare le malattie del fegato e i calcoli biliari. I praticanti della medicina tradizionale peruviana usavano anche le foglie di boldo come diuretico.

Gli europei hanno scoperto le proprietà medicinali delle foglie di boldo alla fine del XIX secolo. Nel 1875, le foglie di boldo venivano usate in Gran Bretagna e in Francia per trattare problemi di stomaco e di fegato. Le foglie di boldo erano talvolta prescritte come alternativa al chinino per trattare la malaria.

Oggi, il boldo è coltivato in alcune parti dell’Europa e del Nord Africa, così come nel suo nativo Sud America.

Sapore

Le foglie di boldo sono note per il loro gusto distintamente amaro. Questo sapore è accompagnato da un aroma legnoso che li rende paragonabili alle foglie di alloro.

Usi culinari

Tradizionalmente, le foglie di boldo sono consumate come una tisana. Per fare un’infusione di foglie di boldo, si versa una tazza di acqua bollente su un cucchiaino di foglie di boldo essiccate e si lascia in infusione per circa 10 minuti. È comune mescolare le foglie di boldo con la yerba mate per diluire l’intensa amarezza.

Le foglie di boldo sono anche usate a volte per insaporire l’agnello in umido e altre carni. In alcune parti del Sud America, è comune avvolgere il pesce in foglie di boldo.

error: Contenuto protetto!