Cos'è la huacatay?

Cos’è la huacatay?

Storia

La huacatay (Tagetes minuta) ha molti nomi che differiscono da continente a continente. Il nome huacatay deriva dalla lingua quechua. A volte è chiamato menta negra o zuico in alcune parti del Sud America. Anche se questa erba è principalmente associata alla cucina peruviana, si trova in tutto il Sud America. Tra i paesi dove cresce e dove è un ingrediente tradizionale, troviamo il Cile e la Bolivia.

La huacatay era già usata ai tempi degli Incas e più tardi degli Aztechi. Appartiene alla famiglia delle calendule e sebbene sia coltivata negli Stati Uniti e in Africa, non è generalmente considerata una coltura alimentare al di fuori del Sud America. La huacatay è stata coltivata per il suo olio a metà del XVIII secolo.

La huacatay non è realmente coltivata su larga scala nei paesi sudamericani dove è più diffusa, ma si trova in natura e in piccole fattorie. In estate, le foglie della huacatay possono essere acquistate nei mercati locali delle Ande. Anche se cresce in tutto il mondo, è molto difficile trovare foglie fresche della huacatay in vendita al di fuori del Sud America. In Occidente, si può trovare come pasta in bottiglia nei negozi di alimentari che vendono prodotti peruviani.

Sapore

Il sapore della huacatay è simile a una miscela di basilico, mentastro verde e agrumi, con accenni di dragoncello per completare.

Usi culinari

La huacatay è spesso usata in un piatto di patate peruviano chiamato ocopa, in cui si usa per fare la salsa ocopa. Si tratta di una salsa cremosa il cui ingrediente principale è la huacatay, accompagnata da arachidi e peperoncini aji amarillo.

La huacatay è essenziale per la preparazione di uno stufato andino chiamato locro e l’equivalente peruviano del barbecue conosciuto come pachamanca.

La huacatay è anche usata allo stesso modo del coriandolo. Potete usarlo in una salsa o in un ceviche per ottenere un profilo di sapore simile.

error: Contenuto protetto!