Cos'è la lavanda?

Cos’è la lavanda?

Storia

La lavanda potrebbe aver avuto origine nel Mediterraneo, nel Medio Oriente o in India. La pianta era usata nell’antico Egitto, come dimostra il fatto che è stata trovata nella tomba di Tutankhamon.

Nell’antica Grecia, l’erba che noi chiamiamo lavanda era chiamata nardus. Ha preso il nome dalla città di Naarda in Siria. La lavanda era una delle erbe usate nella preparazione del nardo, menzionato nella Bibbia.

Il nome lavanda deriva dal latino lavare, che significa “lavare”. I primi romani usavano questa pianta per lavare i loro vestiti e capelli. Lo usavano anche per le sue proprietà medicinali.

Nel XII secolo in Inghilterra, le lavandaie usavano la lavanda per profumare la loro biancheria, in particolare per proteggerla dalle tarme e da altri insetti.

La lavanda viene coltivata in Inghilterra dalla metà del XVI secolo. Durante la Grande Peste del 1655, si pensava che la lavanda proteggesse dalle malattie.

I reali inglesi erano particolarmente affezionati alla lavanda in questo periodo, a partire da Elisabetta I che amava mangiare fiori di lavanda. Più tardi, anche la regina Vittoria divenne una sostenitrice della lavanda e contribuì a renderne popolare l’uso.

Oggi, la lavanda è coltivata in tutta Europa, così come in Nord e Sud America.

Sapore

La lavanda è una pianta versatile che può essere usata in piatti dolci e salati. È spesso associato ai prodotti lattiero-caseari a causa della sua caratteristica dolcezza floreale.

Oltre ad essere floreale e dolce, il gusto della lavanda è spesso descritto con termini come “vegetale”, “astringente” e “terroso”.

Nelle preparazioni salate, la lavanda fa parte della miscela francese chiamata erbe di Provenza, che include timo e finocchio.

Usi culinari

Il sapore forte e complesso della lavanda le permette di avere un ruolo di primo piano in molti piatti francesi. Si usa nella ratatouille, nelle vinaigrette e si può anche usare nelle marinate, specialmente per l’agnello.

Per i dolci, si può usare per insaporire biscotti o focaccine. Si può anche usare per insaporire il gelato.

error: Contenuto protetto!