Cos'è la menta poleggio?

Cos’è la menta poleggio?

Storia

La menta poleggio (Mentha pulegium) è una specie di menta originaria dell’Europa, di parti dell’Asia e del Medio Oriente. È stato introdotto in Africa, così come in Australia e Nuova Zelanda.

L’uso della menta poleggio risale agli antichi greci e romani. La pianta era usata per il suo valore medicinale, ma era anche un’importante erba culinaria. I greci usavano la menta poleggio soprattutto per aromatizzare i vini.

Il gastronomo romano Apicio menzionava la menta poleggio insieme ad altre erbe importanti come l’origano e il levistico. Oltre a usarlo per aromatizzare i vini, Apicio lo usava anche nelle salse, compresa una salsa per accompagnare la selvaggina.

Plinio il Vecchio è un’altra figura storica che ha documentato i benefici della pianta. L’ha descritto come un repellente per le pulci. Secondo alcuni storici, l’impero romano è in gran parte responsabile della presenza della pianta in tutto il mondo.

La menta poleggio era ben nota a queste prime civiltà per i suoi effetti benefici sul ciclo mestruale e per i suoi effetti abortivi. Sono necessarie alte dosi di menta poleggio per danneggiare un feto. Queste alte dosi possono causare gravi danni ai reni o al fegato e la morte della madre e del bambino.

Nel Medioevo, la menta poleggio continuava ad essere un’erba popolare per la cucina e molte persone la coltivavano ancora nei loro giardini per il suo valore medicinale.

Nel XVII secolo, Nicholas Culpeper raccomandava la menta poleggio per il trattamento di vari disturbi gastrointestinali.

Gli storici ritengono che i primi coloni europei abbiano introdotto la menta poleggio nel continente nordamericano. I nativi americani lo adottarono per il suo valore medicinale.

Sapore

La menta poleggio è una specie di menta particolarmente aromatica. La sua piccantezza è parte della ragione per cui il suo uso è in gran parte riservato alle applicazioni medicinali. Molte persone trovano il suo sapore sgradevole, mentre altri lo descrivono come una versione più pungente del mentastro verde.

Usi culinari

Nell’era moderna, la menta poleggio è raramente consumata; invece, molti intenditori raccomandano di usarla solo come repellente per gli insetti. Detto questo, il pericolo principale sembra risiedere nel consumo dell’olio essenziale piuttosto che dell’erba.

Le foglie sono commestibili sia in preparazioni crude che cotte. Possono anche essere aggiunti alle insalate per migliorarne il sapore. Si può usare la menta poleggio per aromatizzare le glasse delle torte, così come la salsa chimichurri o certi stufati.

Si raccomanda vivamente alle donne incinte di non consumare menta poleggio in nessuna forma.

error: Contenuto protetto!