Cos'è l'olio di cartamo?

Cos’è l’olio di cartamo?

Storia

L’olio di cartamo proviene dai semi di una pianta chiamata Carthamus tinctorius, che molto probabilmente ha avuto origine nel bacino dell’Eufrate. Nel 2000 a.C., i contadini egiziani coltivavano già il cartamo. La pianta fu poi introdotta dagli arabi in altre parti dell’Africa, del Medio Oriente e della Spagna. Dal Medio Oriente, il cartamo ha raggiunto la Cina e l’India. È arrivato in Giappone intorno all’anno 3 della nostra era.

Fino al XX secolo, il cartamo è stato usato per fare coloranti alimentari piuttosto che per fornire olio commestibile. Era un’alternativa attraente allo zafferano, che era molto più costoso a causa della natura laboriosa della sua raccolta.

Negli anni ’40, il dottor Carl Claasen scoprì che le specie di cartamo sudanese ed egiziano fornivano l’olio migliore. Fu solo negli anni ’60 che il mercato dell’olio di cartamo decollò veramente. Oggi, l’olio di cartamo è un popolare olio da cucina ed è usato industrialmente per la produzione di margarina e condimenti per insalata.

Sapore

L’olio di cartamo è uno degli oli da cucina meno saporiti disponibili. È apprezzato per il suo sapore neutro che evita di mascherare o distorcere i sapori degli altri ingredienti.

Usi culinari

Oltre al suo sapore neutro, l’olio di cartamo è noto per avere un alto punto di fumo. È quindi un olio da cucina eccezionalmente versatile, adatto a tutti i tipi di piatti, compresa la frittura ad alta temperatura.

error: Contenuto protetto!