Cos'è l'olio di cocco?

Cos’è l’olio di cocco?

Storia

L’olio di cocco si ottiene dall’estrazione della noce di cocco, che è stata una fonte di cibo per migliaia di anni. L’olio di cocco è stato recentemente abbracciato da persone che cercano una dieta sana, ma ha un passato storico che include tempi in cui non era considerato un alimento sano.

La storia dell’olio di cocco comincia con la storia della noce di cocco stessa. Ci sono due varietà principali di noci di cocco, una proveniente dall’Oceano Indiano e l’altra dal Pacifico.

Le noci di cocco vengono coltivate lungo la costa indiana del Malabar da oltre 2.000 anni. Ci sono prove che venivano coltivate anche nello Sri Lanka e nelle Maldive. Nel Pacifico, i primi paesi in cui furono coltivate le noci di cocco furono le Filippine e la Malesia.

L’olio di cocco è stato ampiamente utilizzato nella medicina ayurvedica dal 1500 a.C. L’uso dell’olio di cocco nel Pacifico fu documentato dal capitano Cook molto più tardi.

Il nome cocco non è stato dato al frutto fino al XVII secolo.

Alla fine del XIX secolo, gli europei svilupparono piantagioni di cocco nelle Indie Occidentali e nel Sud-Est asiatico appositamente per coltivare noci di cocco che avrebbero soddisfatto la domanda europea di olio da cucina e di oli per la produzione di sapone.

L’olio di cocco era un olio culinario popolare negli Stati Uniti e in Europa alla fine del XIX secolo fino alla seconda guerra mondiale, quando divenne difficile da trovare a causa delle interruzioni di fornitura. Molti consumatori si sono rivolti all’olio di soia.

L’olio di cocco ha perso popolarità negli anni ’50 a causa del suo alto contenuto di grassi saturi. La convinzione che i grassi saturi aumentino il colesterolo si è diffusa in quel periodo. L’olio di cocco è composto principalmente da grassi saturi, il che significa che era considerato malsano rispetto a oli come quello di soia. L’olio di soia è composto principalmente da grassi insaturi.

Studi più recenti hanno dimostrato che i pericoli dei grassi saturi nell’olio di cocco potrebbero essere stati esagerati e che non c’è alcuna correlazione tra il consumo di olio di cocco e le malattie cardiache.

Ci sono due tipi principali di olio di cocco: l’olio di cocco vergine, o non raffinato, che si ottiene dalla polpa della noce di cocco senza molta lavorazione. L’olio di cocco raffinato è lavorato e può contenere additivi.

Sapore

L’olio di cocco vergine ha il sapore dolce e nocciolato della polpa di cocco fresca. L’olio di cocco raffinato ha un sapore quasi neutro.

Usi culinari

L’olio di cocco non raffinato ha un basso punto di fumo, quindi dovrebbe essere usato per cucinare a bassa temperatura. Potete anche usarlo per sostituire il burro nei prodotti da forno.

L’olio di cocco raffinato ha un punto di fumo più alto, circa 232°C, quindi si può usare per cucinare ad alta temperatura.

error: Contenuto protetto!