Cos'è l'olio di colza?

Cos’è l’olio di colza?

Storia

L’olio di colza viene spremuto dai semi di una pianta chiamata Brassica napus, che appartiene alla famiglia Brassica, che comprende la senape e il cavolo. Questa varietà di colza è stata sviluppata dalla fusione di due genomi (Brassica oleracea × Brassica rapapour) per risolvere alcuni dei problemi associati alla colza e all’olio di colza.

La colza è stata coltivata fin dall’inizio della storia dell’uomo per produrre olio per l’illuminazione delle lampade ed è stata una coltura importante in Europa fin dal 1200. La varietà standard di colza ha una breve durata di conservazione a causa del suo alto contenuto di acido erucico. L’acido erucico causa l’irrancidimento dell’olio e altri problemi, come il fatto che può essere cancerogeno.

Come altre piante di Brassica, l’olio di colza contiene glucosinolati. Mentre i glucosinolati nella senape e in altre Brassica forniscono nutrienti essenziali, danno all’olio di colza un sapore sgradevole.

L’olio di colza divenne una coltura popolare durante la seconda guerra mondiale per le sue proprietà lubrificanti. L’olio di colza aderisce bene al metallo bagnato, il che lo rende un’opzione eccellente per i motori delle barche. La colza iniziò ad essere coltivata in Canada in questo periodo, poiché l’America era tagliata fuori dalle forniture europee e asiatiche.

Negli anni ’50, gli scienziati canadesi hanno iniziato a lavorare su ceppi di colza con un ridotto contenuto di acido erucico e glucosinolato. Baldur Stefansson, professore all’Università di Manitoba, ha sviluppato una varietà di colza con livelli molto bassi di queste due sostanze chimiche. Si chiamava canola. Le prime quattro lettere stanno per “Canadian oil” e le ultime due “la” stanno per “low acid”. La canola doveva sostituire la colza in Canada negli anni ’80.

In alcune parti d’Europa, l’olio di colza è ancora chiamato olio di canola. In Canada, il termine olio di canola è il più comune.

Oggi, il Canada coltiva circa il 15% della colza mondiale e l’Unione europea circa il 17%. Gli Stati Uniti producono solo l’1% circa. La colza è la quinta coltura di semi oleosi più coltivata al mondo.

Sapore

L’olio di colza ha un sapore molto delicato, soprattutto se paragonato ad altri oli da cucina popolari come l’olio extravergine di oliva. Il suo sapore è delicato al punto di essere quasi impercettibile, quindi è vicino ad essere un olio perfettamente neutro. Si dice che gli oli di colza spremuti a freddo abbiano un sapore burroso.

Usi culinari

L’olio di colza è meglio usato per friggere, per la frittura e per altre applicazioni in cui non si vuole che il sapore dell’olio sovrasti gli altri sapori del piatto. Ha un alto punto di fumo, che lo rende ideale per i cibi che devono essere cotti a fuoco alto e rapidamente.

L’olio di colza spremuto a freddo può essere usato in preparazioni crude come i condimenti per l’insalata piuttosto che in frittura.

error: Contenuto protetto!