Cos'è l'olio di girasole?

Cos’è l’olio di girasole?

Storia

L’olio di girasole proviene da semi di girasole originari del Nord America. I nativi americani furono i primi a utilizzare questa pianta, e gli storici credono che abbiano addomesticato il girasole prima di addomesticare il mais. Ci sono prove che le tribù di nativi americani stavano coltivando girasoli in Arizona e New Mexico intorno al 3000 a.C. I nativi americani furono anche i primi a estrarre l’olio, che usavano in molti modi, tra cui fare il pane.

Quando gli europei arrivarono in America, portarono la pianta indietro per essere coltivata come pianta ornamentale. La sua utilità in cucina e in medicina fu ampiamente riconosciuta nel 1800.

L’olio di girasole è stato prodotto industrialmente in Russia nel XIX secolo. Secondo la leggenda, il girasole arrivò in Russia tramite Pietro il Grande, che fu affascinato da questa pianta che cresceva ad Amsterdam. A partire dal XIX secolo, l’olio di girasole è diventato un olio da cucina molto usato nell’Europa dell’Est. A quel tempo, c’erano due tipi di girasole: uno per la produzione di olio e un altro per il consumo diretto dei semi.

L’olio di girasole si è fatto strada dalla Russia al Nord America attraverso gli immigrati russi. La prima trasformazione industriale dei semi di girasole in olio negli Stati Uniti iniziò all’inizio del XX secolo. Nel 1930, il Canada iniziò un programma di allevamento di semi di girasole, e l’olio divenne molto popolare, portando alla coltivazione su larga scala.

Nel 2014, la produzione mondiale di olio di girasole è stata di 15,8 milioni di tonnellate, guidata da Ucraina (4,4 milioni di tonnellate), Russia (4,1 milioni di tonnellate), Argentina (0,9 milioni di tonnellate), Bulgaria (0,8 milioni di tonnellate) e Turchia (0,7 milioni di tonnellate).

Sapore

L’olio di girasole ha un sapore delicato, quasi neutro, che lo rende abbastanza versatile da essere usato per molte preparazioni culinarie diverse. Non ha molto sapore da conferire ai cibi, quindi è considerato un olio non invasivo.

Usi culinari

A meno che non sia spremuto a freddo (vergine), l’olio di girasole ha un alto punto di fumo (circa 227°C); tuttavia, la sua tendenza a produrre aldeidi significa che non si vuole cucinare con esso a queste temperature. Usalo per le preparazioni crude e per le cotture a bassa temperatura, come i condimenti per l’insalata e la cottura in camicia.

error: Contenuto protetto!