Cos'è la rucola?

Cos’è la rucola?

Storia

Nell’antico Egitto e a Roma, la rucola era già conosciuta e veniva coltivata per le sue foglie e i suoi semi. Virgilio lo considerava un afrodisiaco.

Nel primo secolo, le foglie di rucola facevano parte di un’insalata romana che includeva altre verdure ed erbe che si usano ancora oggi, come la lattuga romana e la lavanda. I semi di rucola erano anche usati all’epoca per aromatizzare gli oli da massaggio.

Plinio il Vecchio menziona la rucola nella sua Historia Naturalis. Oltre a notare il suo uso come afrodisiaco, menziona le sue proprietà anestetiche.

Nei secoli successivi, la rucola si fece strada in tutta Europa e la sua popolarità fluttuò sia nel continente europeo che nelle isole britanniche. Era particolarmente popolare tra gli italiani per tutto il XIX secolo e la maggior parte del XX secolo.

Sapore

Alcuni paragonano il sapore della rucola a quello della senape, che appartiene alla stessa famiglia botanica delle Brassicaceae. Ha un sapore pungente, e le foglie mature possono anche essere leggermente amare. Le foglie giovani di rucola hanno un sapore molto più delicato e sono apprezzate da più persone.

Usi culinari

La maggior parte delle persone che hanno familiarità con la rucola la considerano un’insalata verde di alto livello e un po’ esotica. Di solito si mangia crudo nelle insalate, e lo si fa fin dall’epoca romana. È eccellente nelle insalate invernali.

Come altri membri della sua famiglia botanica, la rucola è commestibile sia cotta che cruda. Può essere saltato nella pasta o aggiunto alle salse, ed è un ottimo condimento per i panini.

error: Contenuto protetto!