Come sostituire l'olio di cartamo?

Come sostituire l’olio di cartamo?

L’olio di cartamo è un olio da cucina dal sapore neutro con un alto punto di fumo e notevoli benefici per la salute. Oltre al suo profilo nutrizionale benefico, ha il vantaggio di essere relativamente poco costoso e ampiamente disponibile.

Se hai finito l’olio di cartamo o vuoi sostituirlo per un altro motivo, ecco alcuni dei migliori sostituti.

1. Olio di girasole

L’olio di girasole e l’olio di cartamo sono entrambi popolari oli culinari che hanno molto in comune. Sono paragonabili in termini di benefici per la salute. Le principali varietà di olio di girasole sono l’olio di girasole alto oleico e l’olio di girasole alto linoleico.

L’olio di girasole alto oleico è il miglior sostituto dell’olio di cartamo alto oleico. L’olio di girasole alto oleico contiene l’80% di grassi monoinsaturi, che è simile al contenuto di grassi monoinsaturi dell’olio di cartamo alto oleico. L’olio di girasole è la migliore fonte di vitamina E tra gli oli da cucina, quindi ne contiene anche più dell’olio di cartamo.

L’olio di girasole ha anche un sapore molto delicato, simile all’olio di cartamo. Inoltre, ha un alto punto di fumo, il che significa che puoi usarlo per cucinare ad alta temperatura senza che bruci e generi composti tossici.

2. Olio di arachidi

L’olio di arachidi è relativamente facile da trovare. Ha anche un alto punto di fumo, il che lo rende un buon sostituto dell’olio di cartamo nella frittura e nel fritto. È anche una buona fonte di vitamine E e K.

Il sapore dell’olio di arachidi non è così delicato come quello del cartamo, ma non dovrebbe influire sul sapore dei tuoi piatti se usi un olio raffinato.

L’olio di arachidi non è sano come l’olio di cartamo, ma non è comunque la peggiore opzione. L’aspetto negativo dell’olio di arachidi è che contiene più grassi saturi e polinsaturi dell’olio di cartamo.

Mentre i grassi saturi sono costantemente cattivi per te, i grassi polinsaturi hanno alcuni benefici, ma solo se li mangi con moderazione. Un consumo eccessivo di grassi polinsaturi può causare infiammazioni.

3. Olio di colza

Relativamente economico e facile da trovare, l’olio di colza ha proprietà che lo rendono una buona alternativa all’olio di cartamo.

Ha un sapore estremamente discreto. È molto improbabile che possiate distinguere l’olio di colza dall’olio di cartamo solo dal gusto o dall’odore.

Oltre ad essere un buon sostituto dell’olio di cartamo da un punto di vista culinario, l’olio di colza ha un profilo nutrizionale simile. È ricco di grassi monoinsaturi e povero di grassi saturi. Contiene anche molte vitamine E e K. Tuttavia, l’olio di colza contiene più grassi polinsaturi dell’olio di cartamo.

4. Olio vegetale

L’olio vegetale è un olio da cucina fatto da una miscela di diversi oli vegetali. Il suo sapore e il suo profilo nutrizionale possono variare a seconda degli oli utilizzati. Alcune miscele sono composte principalmente da olio di soia, mentre altre sono composte principalmente da olio di colza.

error: Contenuto protetto!